Italy News

Cecilia Cantarano spiega perché dona il sangue! Il racconto.


Cecilia, in compagnia di Sara Verde, ha deciso di documentare la sua “avventura” e non solo. Ha elencato anche i diversi motivi che l’hanno spinta a diventare donatrice. Ovviamente sempre in maniera ironica e leggera, come usa fare in tutti i suoi video.

Il vlog parte dalla mattina, come di consuetudine per il format di Cecilia Cantarano, e si è concluso nell’ingresso di un liceo in cui ad aspettarla c’era il camioncino dell’AVIS, l’Associazione Volontari Italiani del Sangue. Andiamo a vedere cos’ha raccontato la ragazza:

Ero 52esima, ma nessun problema! Tanto quando devi donare il sangue devi compilare un modulo di 8 miliardi di pagine, vabbè! In ogni caso le domande sono giuste, perché devi essere in salute per donare il sangue e rispettare alcuni requisiti. Non riesco ad elencarveli tutti, ma li trovate su Google cercando “requisiti per donare il sangue“, vi anticipo che dovete essere maggiorenni. E in men che non si dica il gioco è fatto! Sicuramente un po’ stanca e in stato confusionale, ma ehi! Io ci sto sempre in stato confusionale e dopotutto sto bene! Motivi per donare il sangue? Uno la colazione gratis, due perché ti danno permesso per non andare al lavoro e tre… perché c’è bisogno di sangue! Mi piacerebbe pensare che le malattie non esistono, ma esistono. Pensa se servisse a te, o a tua madre o a tua sorella. Quindi, se hai requisiti e puoi farlo, supera la paura, perché un quarto d’ora del tuo tempo può salvare la vita a qualcuno! Spero di essere stata abbastanza persuasiva e ringrazio i ragazzi del liceo per avermi tenuto compagnia.

All’inizio del suo video, Cecilia ha specificato di avere i requisiti della donatrice perfetta. Pertanto, se anche voi avete questa possibilità, accogliete il messaggio della Cantarano e provate a fare del bene! Vi ricordiamo che per farlo potete contattare l’AVIS della vostra città, digitando su Google AVIS e il nome della città in cui vi trovate (qui trovate il link per accedere al loro sito).









Source link

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button